gianni
ispirato alla voce di gianni pampanini

gianni

ispirato alla voce di  Gianni Pampanini
Premio Scenario per Ustica 2015  | 
Vincitore In-Box Blu 2016

di e con Caroline Baglioni
supervisione alla regia  Michelangelo Bellani, c.l. Grugher
assistente alla regia  Nicol Martini
luci Gianni Staropoli
suono Valerio Di Loreto
produzione La Società dello Spettacolo

Avevo circa tredici anni. Mio padre tornò a casa e disse che era arrivato il momento di occuparci di Gianni. Era lo zio con problemi maniaco-depressivi che mi faceva paura. Aveva lo sguardo di chi conosce le cose, ma le ripeteva dentro di sé, mica ce le diceva. Non aveva pace, Gianni. Nel 2004, in una scatola di vecchi dischi, ho trovato tre cassette, Tre cassette dove Gianni ha inciso la sua voce, gridato i suoi desideri, cantato la sua gioia, espresso la sua tristezza. Per dieci anni le ho ascoltate riflettendo su quale strano destino ci aveva uniti. Un anno prima della mia nascita Gianni incideva parole che io, e solo io, avrei ascoltato solo venti anni dopo.

Vai alla pagina Facebook dell’evento

ore 18.30 | Polo Giovani B55 incontro con Caroline Baglioni
audiobiografie
(ingresso gratuito – prenotazione consigliata)

Conversazione sul lavoro svolto per la preparazione dello spettacolo, a partire dal ritrovamento di un materiale autobiografico “grezzo” (in questo caso audiocassette incise negli anni ‘80) fino alla realizzazione del progetto per il Premio Scenario.

Caroline Baglioni
umbra, classe 1985, vince con Gianni il Premio Scenario per Ustica 2015 (la sezione dedicata ai progetti di impegno civile del maggior riconoscimento italiano per i talenti sotto i 35 anni) ed è la più recente rivelazione della nuova scena teatrale italiana. Impegnata stabilmente nelle nuove produzioni di Antonio Latella (attuale direttore della Biennale Teatro di Venezia), fa parte della compagnia La Società dello Spettacolo. Gianni è stato anche riconosciuto come miglior spettacolo della rete In-Box


Rassegna Stampa

“Il dramma intimissimo e biografico portato in scena riesce a convertirsi su piani di relazione ulteriori, dimostrandosi capace di trasmettere emozioni e sensazioni che possono appartenere a ciascuno di noi. Anche qui, il solo-show, la prospettiva micro e personale, vissuta e biografica, diventa filtro – attraverso la lingua scenica – per parlare dell’uomo d’oggi e del mondo che lo circonda, fra vita e politica”. (Roberta Ferraresi, Il tamburo di kattrin) “[…] Una biografia intima e drammatica inscritta in percorso drammaturgico pregiato, in una coreografia di gesti e di posture della nostalgia. […] Un testamento poetico ed effimero a cui la Baglioni, con la solerzia necessaria della sua presenza, mai invasiva, conferisce una straziante verità”.  (Valentina De Simone, Che teatro fa – larepubblica.it)
http://cheteatrochefa-roma.blogautore.repubblica.it/2015/09/10/nuovi-critici-short-theatre-ii-premio-scenario-v-d-s/

Baglioni non ‘interpreta’ Gianni, fa di pi : lo anima dall’interno, filtrandolo attraverso la propria sensibilità squisitamente femminile, creando un’efficace partitura fisica e gestuale – una qualità di movimento che si fa simbolo e mai descrizione”  (Sarah Curati, Paper Street) http://www.paperstreet.it

Caroline Baglioni diventa zio Gianni in un toccante originale assolo autobiografico” (Simone Pacini, Shorttheatre – @twitter.com “Oltre alla suddetta modalità mimetica e a quella narrativa, azzeccata risulta la scelta registica di entrare in scena con un mucchio di scarpe, guarda caso scompaiate, per poi utilizzarle come elemento non solo coreografico, ma quasi con dignità di coprotagonista. [ ] Efficace e simbolico, poi, l’utilizzo che ne fa – rituale controcanto alle scene d’impersonificazione del racconto-fiume in prima persona dell’uomo: quasi solo azioni sceniche, in cui lei diventa la reginetta del cerchio magico e loro, le scarpe, pedine dotate quasi di vita autonoma e di autonomo sentire e giudicare.” (Francesca Romana Lino, rumorscena.com)
http://www.rumorscena.com

Caroline Baglioni si carica sulle spalle i frammenti di un discorso amoroso, proprio dilatando la mancanza dell’amore. Li sostiene in virtù di una qualità d’attrice cristallina, esperta nel costruire una partitura di gesti mai casuali, intrecciati alla parola con abilità e coscienza autoriale di ottime prospettive.” (Simone Nebbia, teatroecritica.net)
http://www.teatroecritica.net

Ed così che, attraverso una partitura fisica, gestuale, coreografica ben condotta e orchestrata, accompagnata è ì da musiche che vanno dagli Afterhours a Sergio Caputo, da Venditti a Renato Zero, avviene scenicamente in modo plausibile la trasformazione di un materiale vocale, affidato solo ai ricordi, di una presenza che sembrava dimenticata.” (Mario Bianchi, klpteatro.it )
http://www.klpteatro.it

Vestita di rosa, con lunghi capelli biondi sciolti, la Baglioni riesce a far dimenticare la propria femminilità allo spettatore: le parole sono quelle dello zio Gianni, che negli Ottanta ha inciso su un nastro, in un umbro grezzo e terroso, i rigurgiti della sua malattia di vivere. La nipote Caroline, nel restituire quel malessere sul palco, riesce a compiere uno scarto, astraendo quel dolore in gesti, immagini, oggetti e rendendolo così universale.” ì (Maddalena Giovannelli, doppiozero.com)
http://www.doppiozero.com/

La solitudine performativa dell’attrice in scena rende pienamente l’idea di quella vissuta dal personaggio in un crescendo che porta alla bellissima danza finale di liberazione che se da una parte segna il momento di fine vita dello zio dall’altra travalica nell’aperta dichiarazione poetica della nipote attrice, solo ora totalmente libera di quel corpo scenico del quale non resta che una scarpa e una voce.” (Francesca Giuliani, paneacquaculture.net)
http://paneacquaculture.net

La scena, scarna, dominata dalla fisicità fluida della protagonista che sa muoversi come Gianni, goffa e insicura, sognante e lieve. Le scarpe, tante scarpe abbandonate sulla scena e indossate alternativamente dalla Baglioni, paiono i frammenti di un esistere che non si riesce a ricomporre in unit , operando una resa simbolica à ed evocativa efficace.” (Daniele Stefanoni, dramma.it)
http://www.dramma.it

“Sola in scena, con una sottoveste lunga, azzurra, semplice, Caroline Baglioni […] brava e da un bel ritmo e un è bel respiro al lavoro: si costruita un personaggio poco convenzionale, nevrotico ma anche misterioso e la sua è voce modula con ritmi e intonazioni l’onda interiore di Gianni che a quanto pare un personaggio veramente è esistito di cui alla fine si ascolta la vera voce.” (Anna Bandettini, Repubblica.it)
http://bandettini.blogautore.repubblica.it

“Una genesi toccante, uno sviluppo coinvolgente, un dipanamento commovente. La realtà che s’intreccia à pesantemente con la finzione drammaturgica, con risvolti poetici e difficili da digerire, macigni da portare sulle spalle, mattoni da ingoiare. [ ] tutto trapela senza sosta dai pori della Baglioni, con lucidità e fermezza, e ogni sera una rievocazione, un’apparizione, una rinascita, una rivincita: la potenza del teatro.” è (Tommaso Chimenti, Ilfattoquotidiamo.it)
http://www.ilfattoquotidiano.it

affronta … il tema della malattia mentale, lo sviscera, lo materializza in una storia personale ma universale” (Barbara Mastria, ArtInTime) http://www.artintime.it

La Baglioni cadenza una parlata perugina, tronca le parole quel tanto che basta per forgiare una lingua che … non n italiano n dialetto. Parla in prima persona, ma al maschile. [ ] Spirali di fumo in controluce s’imprimono… da un lungo bocchino, con lei/lui ascoltiamo le canzoni amate e ascoltate dallo zio come fossimo al suo fianco [ ]. Con lei/lui pensiamo all’intimità di una vita bislacca, allontanata verso i margini, una vita che si chiede che … « cosa è la felicità [ ] Con Gianni pensiamo al teatro, all’occasione che offre di prendere parola in prima persona » … diventando altro da sé, pur parlando di sé. Un teatro che permette a noi spettatori di vederci riflessi per frammenti in vite che non sono la nostra, eppure cos simili.”  (Lorenzo Donati, Altrevelocita.it)
http://www.altrevelocita.it

Caroline Baglioni comincia da qui per iniziarci al suo “Gianni”, da un’esplosione di scarpe spaiate sulla scena, … un’esplosione di segni, di frammenti che, nel corso dell’ora di monologo, andranno a formare la linea sottile che divide il dentro dal fuori, il presente dal passato, il ricordo dal racconto, due spazi scenici che equivalgono ad altrettanti spazi, passaggi esistenziali. [ ] … La vita una ricerca a singhiozzi di un benessere logorato tra falsi miti e il bisogno di essere amati, consumato è come la suola di una scarpa numero 46 e la voce di un “uomo da marciapiede”, quella vera, roca, buia, di Gianni che ci ricorda, facendoci sorridere e commuovere, che, alla fine, “basterebbe poco, basterebbe un sorriso”. (Giulia Focardi, Recensito.net)
http://www.recensito.net/

Un’interpretazione davvero affascinante quella di Caroline Baglioni, accompagnata da una regia squisitamente essenziale. Luci e musica arricchiscono ottimamente la performance. Un palcoscenico semibuio e tante scarpe diverse bastano per farci immaginare Gianni che cammina per Perugia, la sua città, Gianni che corre in macchina, Gianni che fuma e registra le proprie riflessioni, con Ringhio, il suo cane, unico amico a tenergli compagnia insieme ai suoi milioni di ricordi e di pensieri. Quello che nessuno ha mai sentito dire a Gianni è finalmente venuto fuori attraverso la nipote Caroline. ci che forse egli desiderava, mentre registrava la propria voce. E non c’era modo migliore per terminare: farci sentire un piccolo estratto della voce di Gianni. il suo È “Stop” che chiude lo spettacolo.” (Benedetta Colasanti, corrierespettacolo.it)
http://corrierespettacolo.it/gianni-il-cancro-dellanima/

[ ] Gianni uno spettacolo ben fatto e coinvolgente, la cui protagonista brava a raccontare al pubblico i … è è desideri, il dolore e la gioia di Gianni, il gigante alto quasi due metri (che alla sua nipotina sembravano tre) che ci ha lasciato una testimonianza tangibile e preziosa della sua vita fatta di difficoltà e di speranze. Come le vite di tutti noi.” (Alessandro Chiocchia, Femataspettacolo.it) http://www.fermataspettacolo.it/teatro/gianni-racconto-di-una-vita-complicata “[ ] Da bambina ero molto introversa. Praticamente – ci dice sorridendo – ero così chiusa in me stessa che non … parlavo con nessuno.[ ] Il personaggio che probabilmente mi ha segnato di pi durante il mio percorso proprio … è Gianni perchè quello che mi ha aperto una “strada”. Grazie a lui ho sentito arrivare uno “scatto” nella mia è crescita non solo in qualità di attrice, ma anche di maturità a livello personale. Viverlo mi ha portato a comprendere le fragilità nascoste nell’animo umano. [ ] … (intervista di Francesca Cecchini, Quartaparetepress.it)
http://www.quartaparetepress.it/

 

Teatro Astra di Vicenza Stagione Teatrale 2016/2017

gianni_foto-fabrizio-corvi-6-caroline-baglioni


Prenota spettacolo


Data/ora spettacolo

Cognome

Nome

Telefono

E-mail

Numero totale di posti che si intendono prenotare


Cliccando sul tasto prenota, la tua richiesta verrà inoltrata all'Ufficio Teatro Astra, riceverai una e-mail di conferma dell’avvenuta prenotazione con le istruzioni per il ritiro dei biglietti.

Ti ricordiamo che, in caso di spettacoli a pagamento, l'acquisto dei biglietti potrà avvenire, senza diritto di prevendita, acquistando in anticipo con bonifico bancario, oppure presso la nostra biglietteria aperta dal mercoledì al venerdì 10-13 e il giovedì 15-17.45.

Note aggiuntive

Cliccando sul tasto prenota dichiari di aver letto e accettato la
normativa privacy
di questo sito