la festa

20 > 28 ottobre 2017
la festa

Il Teatro Astra ospita da 30 anni un esperimento raro nel panorama dei teatri italiani. È un luogo speciale, dove la comunità cerca le domande giuste in una realtà in cui, da ogni parte, arrivano solo risposte. Ma all’Astra si fa qualcosa in più: si costruiscono spettacoli, dall’ideazione alla messinscena, dalla costruzione dei materiali all’organizzazione delle tourneé. Ciò che rende rara l’esperienza vicentina è il fatto che, grazie alla lungimiranza della scommessa proposta dal Comune di Vicenza alla Piccionaia nel 1987, rinnovata e ridefinita più volte attraverso gli anni, questo cantiere creativo opera in un continuo scambio con gli abitanti della città. Un’osmosi fatta di conversazioni, laboratori e interazioni, che parte dai primissimi anni e accompagna in modalità differenti tutte le età. Un teatro che mette al centro la nostalgia del futuro, uno dei doni principali che portano con sé le nuove generazioni. Per questo la vita dell’Astra non è tra le sue mura, ma è fatta delle mille vie che dalla città portano a teatro, e che dal teatro si irraggiano nella città. Una rete di “vie dei canti”, di narrazioni del presente, di desideri di futuro. Perché, come ci insegnano gli aborigeni australiani, l’uomo ha, sulla terra, il compito di nominare le cose, perché esse possano pienamente esistere.

Carlo Presotto
Direttore artistico – La Piccionaia

 

Quest’anno festeggiamo 30 anni di attività della Piccionaia a Vicenza. È un traguardo importante, certo: ma, più importante ancora, ci offre il pretesto per riflettere sul ruolo che questo straordinario gruppo di professionisti e appassionati del teatro ha svolto nella nostra città. E per la nostra città. Penso a come negli anni la Piccionaia abbia fatto crescere un pubblico più attento, più competente, più aperto e più curioso. Lo ha fatto nei lunghi anni in cui l’Astra era anche, di fatto, l’unica sala a programmazione ampia: e lo ha continuato a fare dopo la nascita del Comunale. Coltivare un pubblico non è impresa da poco. Significa investire sugli spettatori più piccoli, sull’orientare il gusto dei giovani, ma anche sulla convinzione che non sia mai troppo tardi per aprirsi a esperienze diverse. Il pubblico teatrale dovrebbe essere, per definizione, non conservatore, ma disposto a provare, a sperimentare, ad accettare la contaminazione con i linguaggi più avanzati del nostro tempo. Dovrebbe, ma non è – appunto – impresa semplice. Richiede pazienza, dedizione, coraggio, determinazione, ma sopratutto una qualità che è la più importante di tutte: lungimiranza. La capacità di guardare lontano. Delle molte qualità che in 30 anni la Piccionaia ha messo in campo, la lungimiranza è la meno visibile e al contempo la più significativa: perché consente di investire sul futuro. Il futuro del teatro, il futuro della cultura, il futuro della nostra comunità.

Jacopo Bulgarini d’Elci
Vicesindaco – Comune di Vicenza

programma

ven 20 ott | Teatro Astra | ore 21
La Piccionaia / Babilonia Teatri
SCARPE DI CUOIO

con Carlo Presotto
anteprima nazionale in collaborazione con Accademia Olimpica e Laboratorio Olimpico

dom 22 ott | Teatro Astra | ore 15 e 17
La Piccionaia / Matteo Balbo
L’AMICO INVISIBILE

prima nazionale nell’ambito di “Vivere Sani. Vivere Bene” di Fondazione Zoé Vicenza – Zambon Open Education

ven 27 ott | Teatro Astra | ore 20.30
La Piccionaia / Fabbricateatro
PEOPLE / PERSONE
esperienze di teatro per bambini, ragazzi, giovani, adulti
direzione artistica Ketti Grunchi
a seguire concerto e presentazione dell’ultimo video del gruppo
I NUOVI GIOVANI

sab 28 ott | diversi punti della città | partenza ore 15.00
LE VIE DEI CANTI | sei cammini verso il Teatro Astra
Un’azione per esplorare ed assaporare le relazioni tra il teatro e il territorio: sei percorsi in partenza da sei diversi punti della città, sei modalità di avvicinamento verso l’Astra tra voci, racconti, testimonianze e incontri particolari:

Walkabout con Carlo Infante
• Pedibus con Matteo Balbo
• Trekking urbano con Vaghe Stelle
• Packrafting sul Retrone con Carlo Presotto
• Biking tra città e campagna con Festambiente Vicenza
• Strade d’intercultura con Rosella Pizzolato – Laboratorio teatrale interculturale dell’EDA

sab 28 ott | Teatro Astra | ore 17.00
OPEN THEATRE

Teatro Astra | ore 18.00
INSTANT SILENT PLAY #ASTRA30
di Carlo Presotto, Paola Rossi e Matteo Balbo
progetto realizzato nell’ambito del progetto POR FESR 2014-2020 Regione Veneto

sab 28 ott | Teatro Astra | ore 19.00
TERRESTRI
videoinstallazione a cura di Andrea Rosset


INFORMAZIONI

tutti gli appuntamenti sono ad ingresso libero su prenotazione

ad eccezione di:
Packrafting sul Retrone > € 25 – prenotazione obbligatoria a Melusia per discesa in packraft (ilpiroa@gmail.com) e a Ivan Team Rafting sul Brenta Valstagna in Veneto per discesa in gommone (info@ivanteam.com)
Biking tra città e campagna > € 5 contributo a sostegno di Festambiente Vicenza

Info e prenotazioni: 
Ufficio Teatro Astra
0444 323725 – info@teatroastra.it

La Piccionaia ringrazia il gruppo di lavoro #astra30 per il cantiere di progettazione condivisa nato nell’ambito della masterclass “Operatore di performing media” condotta da Carlo Infante.

 


Prenota spettacolo


Data/ora spettacolo

Cognome

Nome

Telefono

E-mail

Numero totale di posti che si intendono prenotare

Note aggiuntive

Cliccando sul tasto prenota dichiari di aver letto e accettato la normativa privacy di questo sito